cose da sapereNews

Il sindaco celebra il tuo matrimonio? Non sempre è una buona notizia!

Hai prenotato il tuo rito civile. Aspetti con gioia il giorno del tuo matrimonio. Sai che a celebrare il rito sarà il sindaco. Sei orgogliosa che una persona importante vi sposi.

Del resto, chi più del sindaco ha l’autorevolezza necessaria? È una persona conosciuta e stimata nel paese. Darà un tocco di prestigio al tuo matrimonio civile. Le tue nozze lasceranno tutti a bocca aperta.

Perché sei sicura che il sindaco celebrerà una bella cerimonia.

Ehm… celebrerà una bella cerimonia, vero?

Mi dispiace dirtelo. Ma nella maggior parte dei casi, i sindaci intendono il concetto di “bella cerimonia” in modo diverso dalle spose.

Ne abbiamo parlato anche nel gruppo Cerimonia VIP tempo fa. Il risultato è stato incredibile. Molte ragazze SPERANO che il sindaco faccia un bel rito. Sperano, NON lo sanno. Non hanno idea di cosa dirà.

Affidano la buona riuscita del proprio matrimonio alla speranza. Purtroppo, è quasi sempre una strategia fallimentare.

Quindi oggi ti parlerò dell’altro lato della medaglia. Perché il sindaco ha l’autorevolezza necessaria, è vero. Ma spesso questo non è sufficiente a realizzare il sogno di una coppia.

Il sindaco celebra il matrimonio? Ecco di cosa dovresti preoccuparti

L’argomento di oggi è tabù. Uno di quei temi che di solito mi fanno ricevere una montagna di messaggi privati indignati. E mi aspetto che, come al solito, solo pochi capiranno quello che voglio dire.

Voglio provare comunque a spiegarmi nel modo migliore. Anche se gli stupidi fraintenderanno comunque. Il mio intento NON è criticare il lavoro del sindaco. Voglio semplicemente farti notare gli errori che fanno quasi tutte le spose quando si preparano al rito civile.

Conoscere questi argomenti può fare la differenza tra un matrimonio meraviglioso e un matrimonio disastroso. Quindi, se sei abbastanza astuta, leggere fino in fondo questo articolo ti sarà certamente utile.

Chi visse sperando, morì…

Torniamo a noi. Hai prenotato il tuo rito civile e poi ti sei dedicata ad altro. Hai messo la cerimonia nella lista delle cose fatte. Ti basi sulla speranza che il sindaco faccia un bel discorso.

Stai trascurando alcune verità fondamentali:

  1. Il sindaco NON È OBBLIGATO a fare un discorso. Il suo ruolo non glielo impone. È lì per un obbligo burocratico e non per festeggiare l’amore.
  2. Nella maggior parte dei casi NON SA scrivere un discorso per un matrimonio. È molto diverso da tutti gli altri discorsi (politici e amministrativi) che fa abitualmente.
  3. NON VI CONOSCE abbastanza da poter scrivere qualcosa di personale. E non conosce gli invitati, quindi non sa come emozionarli e coinvolgerli,

Non so se hai mai assistito ad un rito civile celebrato dal sindaco. O da un assessore, o altra persona del comune… Forse no. Perché altrimenti avresti escluso a priori questa soluzione.

Nei video dei matrimoni di solito la cerimonia non c’è. Il rito civile viene tagliato e al massimo si filma il momento della proclamazione, oppure le firme. Per questo le coppie tendono a dimenticare quel momento. Se chiedi ad una tua amica che si è sposata con rito civile, probabilmente non ricorderà granché di quello che il sindaco ha detto.

Ma puoi trovare qualche canale youtube dei comuni, con qualche video di riti civili. Qui ti ho trascritto uno dei discorsi più belli che ho trovato. Il sindaco Eugenio Gambetta l’ha fatto anni fa, per un matrimonio civile a Orbassano:

“Un saluto a tutti quanti voi, da parte mia e dell’amministrazione comunale. Io i matrimoni li faccio volentieri. Li faccio volentieri perché, tra i vari compiti di un sindaco, è quello più bello. Perché io credo nella famiglia, credo che la famiglia sia il nucleo di base della società. E ogni volta che nasce una nuova famiglia nasce una nuova cellula all’interno della società, che va a comporre l’insieme in cui noi conviviamo.”

Questo sindaco è stato molto bravo, molto più della media. Ha parlato con il giusto tono, ha introdotto bene il rito civile, ha speso qualche parola sul matrimonio e sulla famiglia. Ciò nonostante, non credo che la tua idea di “discorso” sia questa.

Concordi con me sul fatto che non possiamo descrivere questo “discorso” come emozionante, romantico, unico, coinvolgente?

Quanto ti costa?

Eppure, stai investendo un bel po’ di soldi per la tua cerimonia. Facciamo due conti, se vuoi.

Facciamo un’ipotesi. Tu vuoi sposarti in una location scenografica e non nell’ufficio del comune, troppo asettico. Nel tuo budget plan avrai previsto (o dovresti averlo fatto):

  • Integrazione al costo della location. Per poter usufruire degli spazi per la cerimonia. In media 800€, analizzando i prezzi 2019.
  • Diritti del comune. Per la celebrazione in una sede distaccata e non al Municipio. In media 1000€, per una struttura prestigiosa.
  • Noleggio arredi e allestimento floreale wow. Per trasformare quella zona della location in un set degno di un film di Hollywood. In media 1500€.
  • Accompagnamento musicale dal vivo. Per creare la giusta atmosfera per il rito. In media 600€.

Totale 3900€, diciamo 4000€ per fare cifra tonda.

E tutto per cosa? Per avere un rito banale, da pochi minuti. Un’esperienza che non ti lascerà nessuna emozione. Foto belle, ma ZERO ricordi.

Senza contare le reazioni dei tuoi invitati. Se volevi colpirli, emozionarli, coinvolgerli… meglio abbandonare l’idea. Penseranno che il tuo matrimonio è di serie B. E che sarebbe stato molto meglio se ti fossi sposata in chiesa.

E poi… sei sicura che ci sarà il sindaco?

Il comune è un ufficio pubblico ed è tenuto ad erogare il servizio. Ma questo non implica un obbligo per il sindaco di celebrare in prima persona. Può delegare chi vuole.

Del resto, molti matrimoni sono d’estate. Nel fine settimana. In orari non lavorativi. Il sindaco potrebbe preferire una giornata al mare ad una celebrazione. Ci sono inoltre comuni in cui ogni giorno, durante la stagione, ci sono decine di matrimoni. E non mi risulta che i sindaci abbiano il dono dell’ubiquità.

Quindi potresti trovare al tuo matrimonio un assessore, ma anche un semplice impiegato del comune. Qualcuno che non ha l’autorevolezza e il prestigio del sindaco. E che magari non sa parlare in pubblico.

Oltre a questo, c’è anche il rischio che la location perda l’autorizzazione (ne ho parlato poco tempo fa in questo articolo). Quindi potresti trovarti a pochi mesi o giorni dal matrimonio a scoprire che non puoi sposarti legalmente dove desideri.

Come si risolve il problema?

Ci sono diversi approcci. Alcuni più rischiosi, altri più sicuri. Dipende tutto dalle tue priorità. Come dico sempre, non ci sono obblighi nell’organizzazione di un matrimonio.

Anche se ti senti costretta a fare certe scelte, non lo sei davvero.

Ti faccio qualche esempio.

Puoi portare i tuoi invitati in un ristorante elegante. Oppure offrire loro un panino dal food truck in piazza. Non c’è nessuna legge che ti impedisce di farlo.

Puoi comprare un abito da sposa su misura, di uno stilista prestigioso. Oppure un vestitino senza pretese dal cinese sotto casa. Nessuno si deve azzardare a dirti che una scelta è migliore dell’altra.

Puoi partire per uno strepitoso viaggio di nozze dall’altra parte del mondo. Oppure passare un week end nella casa al mare della zia. La scelta spetta soltanto a TE. A voi.

Allo stesso modo, puoi risolvere la questione rito civile in modi più o meno efficaci e raffinati. Te li metto in ordine. Dal più economico al più costoso.

  • Scrivi tu il testo del discorso. E chiedi al sindaco se gentilmente lo legge. Oppure fallo fare ad un tuo amico. Certo, anche se avevi buoni voti in italiano al liceo, non è detto che tu sappia scrivere un rito completo ed emozionante. Costo zero, livello di rischio alto. 
  • Acquista un testo professionale. E chiedi al sindaco o ad un tuo amico con la delega di leggerlo. A seconda della serietà di chi lo realizza può essere più o meno efficace. Tante coppie si lamentano di aver ricevuto testi copiaincollati da internet, o imbarazzanti. Quindi scegli sempre con attenzione di chi fidarti. Costo basso, rischio medio.
  • Assumi un celebrante professionista. Per la stesura del testo e la celebrazione con delega o concelebrazione. Anche qui si trova di tutto e purtroppo i risultati cambiano a seconda dell’esperienza e bravura del celebrante. Ma se ti rivolgi ad uno dei migliori, puoi avere un buon risultato. Costo medio, rischio basso.
  • Scegli una Cerimonia VIP. Che è diversa da tutte le altre perché prevede un percorso mirato e rivoluzionario. Una straordinaria esperienza di coppia per aiutarvi ad esprimere la vostra unicità. Più uno studio scientifico dei tuoi invitati e della loro mentalità, per scegliere la struttura, il lessico e il ritmo più adatto. In questo modo il rito è creato su misura e la sua efficacia è assicurata. A questo si aggiunge una celebrazione professionale basata su tecniche avanzate e di altissimo livello, con una duplice garanzia unica in Italia. Costo alto, rischio zero.

Lo so, sembra troppo bello per essere vero. Per questo ti invito a leggere le testimonianze e a venire nel nostro gruppo. Chiedi direttamente dei feedback alle spose che mi hanno scelto prima di te. Saranno felici di aiutarti

Spesso ho celebrato le mie cerimonie vip insieme al sindaco, con un effetto straordinario. Infatti abbiamo unito l’emozione e l’efficacia del testo e della celebrazione professionale all’autorevolezza del primo cittadino.

Ovviamente è un metodo più lungo, e più costoso. Non si può paragonare un servizio standard di poche ore con un percorso esclusivo che dura di solito un anno o più. Un testo qualunque che viene modificato solo in alcuni punti (di solito è quello che si trova in giro anche se tanti lo chiamano “personalizzato”) è diverso da un testo scritto da zero per te.

Una Cerimonia VIP è dedicata a chi sceglie un ristorante di alto livello, un abito da sposa di un grande nome della moda, un viaggio di nozze da sogno… Insomma coppie che possono e vogliono investire nella massima riuscita del loro matrimonio.

Come ti ho detto, non giudico chi fa scelte low cost. Ognuno è libero di sposarsi come vuole. Ma per rispetto del tuo e del mio tempo è giusto che tu sia preparata a sostenere un investimento importante.

A te la scelta, dunque. Vuoi il meglio per il tuo matrimonio? Vuoi annullare il rischio che il rito civile celebrato dal sindaco ti si ritorca contro come un boomerang? Vuoi poterti vantare della tua Cerimonia VIP?

Allora tutto quello che devi fare è compilare il modulo che trovi qui.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Il tuo nome*

La tua email*

Il tuo numero di telefono*

La data del tuo matrimonio*

La località del tuo matrimonio*

Che tipo di rito hai scelto?*

Quali sono le tue principali preoccupazioni?*
Abbiamo tradizioni familiari diverseLa mia famiglia è preoccupata per la mia scelta di fare un rito personalizzatoNon mi sento a mio agio quando sono al centro dell'attenzioneLe cerimonie all'americana che ho visto in giro mi sono sembrate poco serieVoglio dimostrare a tutti che per me questo è un impegno solenne e importanteAltro (raccontamelo nel campo messaggio)

Qual è il tuo budget?*
Da 0€ a 900€: non posso permettermi una Cerimonia VIP ma vorrei un piccolo aiutoDa 1000€ a 1900€: vorrei una Cerimonia VIP ma devo rinunciare a qualcosaDa 2000€ a 3000€: è il giorno più importante della mia vita e voglio una Cerimonia VIP

Quando siete disponibili ENTRAMBI per essere ricontattati?* (Ricorda: ci si sposa in due!)

Da quanto tempo mi conosci?*

Come mi hai conosciuto?*

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettare il trattamento dei miei dati personali
Ho capito e accetto

Autorizzo la ricezione di informazioni commerciali e promozionali
Ho capito e accetto


A presto

Claudia

Tag

Claudia

Ciao, sono Claudia Carbonara, officiante professionista e ideatrice del metodo Cerimonia VIP. Leggi la mia storia nella pagina Chi sono.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Close
Close
Close