Newsvideo

Il futuro delle cerimonie laiche e civili

Il dietro le quinte delle cerimonie

Se ti sposi l’anno prossimo o ancora più in là nel tempo probabilmente ti stai chiedendo come evolverà la situazione delle cerimonie laiche e civili. In questo video ho pensato di spiegarti il punto di vista da insider sul futuro di questo tipo di matrimoni.

Qui sotto ti metto la trascrizione del video, se preferisci leggere.


Ciao, sono Claudia Carbonara e in questo video voglio aiutarti ad orientarti sul dietro le quinte delle cerimonie laiche. Forse infatti ti chiederai perché le cerimonie civili e simboliche siano diventate così popolari e perché nonostante questo siano ancora viste così male. Se hai in programma di sposarti tra qualche anno forse vorresti avere la sfera di cristallo per sapere come andrà.

Io ovviamente la sfera di cristallo non ce l’ho ma posso darti il mio punto di vista da insider, per aiutarti a prepararti meglio a quello che verrà.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un vero e proprio cambiamento nei gusti e desideri delle coppie di futuri sposi.

Tanti anni fa, quando io ho iniziato la professione di celebrante, le cerimonie non convenzionali erano per pochi pionieri. Ragazzi e ragazze che decidevano di sfidare la mentalità comune per rispettare il proprio modo di essere, e per unirsi in matrimonio rimanendo coerenti con sé stessi.

Poi c’è stato il boom. Dopo aver tanto sognato sui blog stranieri le cerimonie sulla spiaggia o in giardino, le coppie hanno iniziato a notare foto di cerimonie cosiddette all’americana, dei matrimoni di questi pionieri. Hanno capito che erano stati celebrati in Italia e hanno desiderato di avere anche loro quel tipo di rito.

Qualcuno ha trovato la giusta rassicurazione, comprendendo che quello che aveva sempre desiderato era finalmente realizzabile. Un rito più autentico, coerente, privo di ipocrisie e più vicino al proprio modo di essere. Tutti coloro che si sentivano costretti a scegliere tra una cerimonia in chiesa, non rappresentativa delle loro idee, e una cerimonia in comune troppo fredda e asettica, si sono sentiti liberati. Finalmente compresi e legittimati nell’esprimere la loro idea di unione e famiglia.

Altri si sono limitati ad apprezzarne le caratteristiche scenografiche, senza comprenderne il significato. Ne hanno accolto soltanto l’aspetto più superficiale, quello estetico. Una cerimonia come quelle che si vedono nei film… L’interesse è stato concentrato sull’allestimento, sulla scenografia, i fiori e la location.

Si è creato un falso mito della cerimonia nuziale, perché è stata sempre più assimilata ad un film.

Un set cinematografico dove avviene una recita. È quello che si fa al cinema, no? Si finge di essere qualcuno che non si è. Ci si cala nei panni di un personaggio.

Quante volte si sentono coppie di sposi che sono circondati dall’insistenza e dall’intromissione di tante persone che li spingono a fare determinate scelte per il loro matrimonio e poi si trovano a non essere sé stessi, ad essere solo degli attori in un giorno in cui più che mai il loro vero io dovrebbe invece essere valorizzato.

Non tutti hanno la forza di respingere queste intromissioni. È molto più semplice occuparsi solo dell’apparenza. Perché guardare al significato del rito significa guardarsi dentro e a volte fa paura. Significa autodeterminarsi, a volte lottare contro le famiglie per conquistare il diritto ad essere sé stessi. Non è semplice e non è da tutti, per questo tanti tengono in considerazione solo l’aspetto esteriore della cerimonia. Quello che anche l’invitato più disattento riesce a vedere.

E quindi c’è stato il proliferare di attori travestiti da sindaco oppure anche da sacerdote che mettono in scena delle finte cerimonie al solo scopo di creare quell’esperienza falsa che dia però nelle foto un risultato esteticamente prestigioso.

E tanto si è diffusa questa usanza che ha contagiato anche alcune persone che avrebbero dovuto invece farsi garanti della autenticità della cerimonia, per esempio i funzionari pubblici. Tanti sindaci o impiegati comunali si sono prestati a fare finte cerimonie, oppure repliche della cerimonia, dimenticando di avere un ruolo istituzionale molto serio ed importante.

Io negli ultimi 10 anni, ho condotto una vera e propria battaglia, un’opera massiccia di divulgazione sui valori della cerimonia laica.

Forse avrai letto il mio libro o segui il mio blog, o la mia pagina Facebook o Instagram, insomma sono tanti i mezzi che io ho adoperato, e adopero, per cercare di fare luce su queste cerimonie e di tracciare una nuova via.
Tanta strada è stata fatta, tanta ce n’è ancora da fare.

Chi può operare il vero cambiamento, sono le coppie. Siete voi. Il potere di rivoluzionare il mondo delle cerimonie spetta a voi.

Io sono solo lo strumento, la voce che esprime le esigenze di tanti innamorati.

Adesso ci troviamo in una situazione di equilibrio, ad un bivio. Quello che sarà nei prossimi anni dipenderà dalle scelte che le coppie faranno ora. Nelle prossime stagioni dei matrimoni. Perché le cerimonie hanno un effetto esponenziale. Ogni cerimonia pianta un seme nel cuore di tutti gli invitati, che può rivelarsi un bel fiore oppure un’erba velenosa.

Forse a te importa solo fare un bel matrimonio e ricevere tanti complimenti. Basterebbe solo questo a indirizzarti verso una cerimonia ben studiata, personale, profonda ed emozionante.

Ma c’è molto di più in ballo.

Se la tua cerimonia nuziale sarà vera, coinvolgente ed emozionante, tutti i tuoi invitati porteranno con sé una nuova consapevolezza. Che lasciare le coppie libere di unirsi in matrimonio con le loro parole, i loro gesti, i loro modi di essere è una cosa buona, che arricchisce tutti.

Se la tua cerimonia sarà un pasticcio, una recita, un momento imbarazzante, tutti gli invitati porteranno a casa la volontà di reprimere ogni fiducia. Troveranno conferma ai loro pregiudizi, gli fornirai la prova che cercano. E quando diranno che il rito civile o simbolico è una pagliacciata non potrai dargli torto, perché sei proprio tu ad aver fatto radicare nelle loro menti questo pensiero.

Il che magari sul momento non ti interesserà, perché sarai troppo presa a superare la delusione per aver avuto una cerimonia scadente, ma te ne renderai conto dopo, e si aggiungerà il senso di colpa.

Sono certa di averti dato parecchio su cui riflettere con questo video, quindi per il momento ti saluto ricordandoti che, se la tua data è ancora libera, sono a tua disposizione per aiutarti a conquistare la cerimonia che hai sempre sognato e che emozionerà i cuori e aprirà le menti di tutti.


Per chiedere informazioni e prenotare una prima analisi del tuo caso, compila il modulo che trovi qui sotto:

  • non dimenticare il prefisso se hai un numero non italiano

A presto

Claudia

Claudia

Ciao, sono Claudia Carbonara, officiante professionista e ideatrice del metodo Cerimonia VIP. Leggi la mia storia nella pagina Chi sono.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button