cose da saperetips

50 sfumature di cerimonia. Come ottenere un matrimonio che farebbe morire d’invidia anche Anastasia Steele

Lo avrai notato in giro, sul web, nei manifesti, sui giornali… Al cinema danno 50 sfumature di nero, la continuazione della saga creata da E.L. James, diventata famosa per 50 sfumature di grigio. Una serie di libri e film che ha fatto molto parlare di sé e che ha creato una sorta di rivoluzione tra le donne di ogni età. Beh, non proprio di ogni età, diciamo quelle abbastanza grandi e allo stesso tempo abbastanza giovani da apprezzare…

Ho deciso di scrivere questo post per parlarti di un argomento molto importante per te. So che in questo momento è il tuo pensiero fisso e che ci pensi in continuazione, giorno e notte.

jamie dornan

Sto parlando del tuo matrimonio. Che avevi capito?

No, non il matrimonio dei tuoi sogni con Christian Grey.

Quello della vita reale, con il tuo vero fidanzato, ricordi? Concentrati, dai!

Ok,  ok, è stato un colpo basso. Scusa. Volevo solo verificare se mi stavi seguendo. Ho usato il bel Jamie (Dornan) per attirare la tua attenzione, perché veramente quello che ho da dirti è molto importante per te e per aiutarti ho bisogno che mi dedichi un po’ del tuo tempo leggendo questo post.

Ti chiederai che cosa c’entra 50 sfumature con il tuo matrimonio ed è proprio qui che ti volevo. Questa saga contiene infatti un SEGRETO che ti sarà utilissimo nell’organizzazione del tuo matrimonio e in particolare della tua cerimonia nuziale.

Se sei abbastanza astuta da seguirmi fino alla fine dell’articolo, senza distrarti troppo pensando alla stanza dei giochi, ti insegnerò qual è.

UN segreto. UN SOLO accorgimento che devi seguire se vuoi che il tuo matrimonio abbia il successo planetario di 50 sfumature e che i tuoi invitati si trasformino in un’orda di fan della tua storia d’amore. 

Insomma non “i 127 consigli per una cerimonia simbolica a prova di bomba”, niente “organizzare un rito civile in 40 semplici step”. Una. Cosa. Sola.

Prima che tu lo pensi, ti dico subito che questo consiglio non è “assumi me come celebrante”. Sarebbe troppo facile così. Se io fossi quell’unico ingrediente che, da solo, permette a chiunque di ottenere un matrimonio mozzafiato, ti starei scrivendo comodamente seduta nel mio jet privato diretto alle Hawaii e non dalla scrivania del mio studio. No, io non vado bene per tutte le coppie e non tutte le coppie vanno bene per me.

La soluzione di cui voglio parlarti è universale anche meno immediata da realizzare, per questo è necessario che segui bene il mio ragionamento.

50 sfumature, il segreto di una storia d’amore

Apparentemente Christian Grey e Anastasia Steele non hanno niente in comune. Lei è una bella ragazza, non particolarmente appariscente e decisamente imbranata. Lui è un miliardario supersexy che può avere tutto ciò che vuole schioccando le dita. L’unione tra bella e povera e bello e ricco è stata più e più volte raccontata, sin dai tempi di Cenerentola. Niente di nuovo insomma.

Anche la contrapposizione tra lei ingenua e pura e lui dannato e tenebroso non è certo inedita. È la stessa storia che è stata narrata mille volte, da La Bella e la Bestia a Twilight. Questo ti dovrebbe già far accendere una lampadina nella testa, perché in realtà sei anche tu nella stessa situazione.

Il tuo fidanzato forse non è un miliardario (ma neanche una bestia, il che comunque è un buon inizio), però quello che stai organizzando è un evento che si è ripetuto milioni di volte.

Da che mondo è mondo la gente si sposa e i tuoi invitati hanno già visto e partecipato a chissà quanti matrimoni. Certo, ogni coppia è diversa, ogni storia d’amore è diversa, tutto vero. Questa però è una di quelle verità su cui possiamo concordare io e te, ma che difficilmente colpisce i tuoi ospiti.

Loro hanno un solo pensiero nella mente: “Uff, un altro matrimonio!”

Pensa che qualche giorno fa Annalisa, una delle mie spose, mi ha confidato che è in imbarazzo all’idea di annunciare il matrimonio a Riccardo, uno dei suoi migliori amici. Infatti lui le ha confidato di essere contento di non aver ricevuto inviti a matrimoni quest’anno e sta organizzando una bella vacanza, con il budget che negli anni passati ha dovuto utilizzare per i regali di nozze a varie coppie di amici e parenti.

Probabilmente Riccardo dimostrerà  di essere felice dell’invito, perché vuole bene ad Annalisa. Ma secondo te quale sarà il suo vero pensiero? Brava, hai indovinato. Probabilmente sarà “che noia!”

Ecco che però 50 sfumature arriva in tuo soccorso (e in soccorso di Annalisa) con il suo segreto. Come fare a trasformare un matrimonio, qualcosa di già visto e rivisto sin dall’alba dei tempi, in un’esperienza che non faccia rimpiangere ai tuoi amici di aver partecipato, anziché andare in vacanza?

Vediamo quindi come ha fatto 50 sfumature a riuscirci e come puoi applicare lo stesso principio al tuo matrimonio.

1) Rompere le regole

Anche se ci consideriamo una società che ha distrutto ogni tabù, siamo ben lontani dalla libertà di pensiero e di azione. 50 sfumature affronta un tema che fa scandalizzare i benpensanti e contrasta con l’immagine romantica dell’uomo dei sogni. Andiamo, che razza di Principe Azzurro ha queste preferenze in camera da letto?

Questa saga quindi rompe le regole. Ma a ben guardare erano regole antiquate, che erano già traballanti. Per questo è stata accolta così bene. Se fosse andata veramente contro la mentalità comune sarebbe stato un flop. No, 50 sfumature ha raccontato un controverso (ma possibile) aspetto del rapporto tra uomo e donna, che aspettava di essere raccontato.

2) Condire con la tradizione

Essere originali a tutti i costi non è una buona scelta, al cinema come nel matrimonio.  Se ci fai caso anche i film fantasy o di fantascienza, in cui il mondo è totalmente diverso da quello in cui viviamo, si concentrano su temi universali, su relazioni consuete e comprensibili, su sentimenti noti.

In 50 sfumature ci sono molti richiami alle più classiche storie d’amore. Elementi che lo spettatore o il lettore conosce bene. Un esempio tra tutti: guarda il modo in cui Anastasia aiuta Christian ad evolvere. Lei cerca di tenerlo lontano dal suo passato e lo accompagna nel suo cambiamento, con grande pazienza, aiutandolo a sperimentare un tipo di amore più soft.

Hai mai conosciuto qualcuno che ha il cosiddetto complesso della crocerossina? È un territorio noto, qualcosa in cui molte donne possono identificarsi, anche se non hanno una vita sessuale così creativa.

3) Mostrare le imperfezioni

Nessuna buona storia può essere scritta se i protagonisti sono perfetti. Non c’è spinta all’azione, non c’è movimento. Anche 50 sfumature non si sottrae a questa legge universale. I personaggi portano con sé un bagaglio di esperienze precedenti, fragilità, bisogni e opinioni sulla vita e sull’amore.

Questo è un grande motore della storia, sono le caratteristiche umane di Christian e Anastasia a conquistare i fan, che si trovano ad immedesimarsi in una o più sfaccettature del loro rapporto.

Questo è tanto più vero nel momento in cui i due sono circondati da tutto quello che di bello e prestigioso la ricchezza di Christian può comprare. Se fossero stati due persone perfette in un mondo perfetto, pur con tutte le scene hot, il film non avrebbe venduto nemmeno un biglietto.

Adesso probabilmente starai pensando “Ma come, mi avevi parlato di un solo segreto e ne hai elencati tre?”.

L’ho fatto volontariamente, perché questi tre elementi hanno UN SOLO punto in comune, quello su cui devi concentrarti per conquistare il matrimonio dei tuoi sogni.

 50 sfumature di nero

50 sfumature di cerimonia

Qual è la caratteristica che accomuna questi tre elementi e che puoi sfruttare per rendere il tuo matrimonio indimenticabile per te e per i tuoi ospiti?

Il film racconta la storia proprio nel modo in cui TU vuoi ascoltarla. E lo fa senza che tu nemmeno te ne accorga.

Fai bene attenzione a questo passaggio, perché è controverso.

Sei portata a pensare che il matrimonio è il tuo e che deve piacere a te. Questo è vero e sacrosanto. La storia che stai raccontando è la tua e su questo non ci piove. Ma i tuoi invitati sono le persone a cui la stai raccontando.

Che tu ci creda o no, sono loro che decretano il successo o l’insuccesso del tuo matrimonio.

Infatti, anche se ti ripeti che quello che conta sono solo i tuoi desideri, sono sicura che stai prendendo tutti gli accorgimenti necessari per far sentire i tuoi invitati a loro agio.

Vuoi far vivere loro una bellissima esperienza, che cancellerà dalla loro mente tutti i pensieri negativi che hanno provato (come Riccardo, l’amico di Annalisa) quando hanno ricevuto la tua partecipazione di nozze.

Il segreto per un matrimonio indimenticabile, che farebbe morire d’invidia anche Anastasia Steele, è quello di raccontare la tua storia nel modo più efficace per far innamorare i tuoi invitati.

Questo lo puoi fare attraverso tutte le tue scelte relative al tuo grande giorno, applicando i tre principi che ti ho descritto prima. E cioè:

1) Rompere le regole

Il tuo matrimonio deve contenere qualcosa di originale, deve dare voce ai desideri dei tuoi parenti e amici. Anche quelli che non riescono ad esprimere. No, non sto parlando di sadomaso. Sto parlando della cerimonia. I tuoi invitati non ne possono più di sentire sempre la stessa tiritera in chiesa o di trascorrere il loro tempo in squallidi uffici comunali.

Probabilmente non te lo diranno, perché non sta bene, ma vorrebbero tanto che tu preparassi per loro qualcosa di diverso dal solito. Una cerimonia emozionante, non convenzionale, diversa da tutte le altre. Qualcosa per cui valga la pena di rinunciare ad una vacanza.

Perché parliamoci chiaro, il resto è solo una gran mangiata e una gran bevuta. Niente di diverso (a parte per i costi e gli allestimenti) da un ricco cenone di Natale o da qualsiasi altro banchetto. Quello che distingue un matrimonio da qualsiasi altra festa è il rito nuziale. Quella è la tua carta da giocare per stupirli.

2) Condire con la tradizione

Si parla tanto di cerimonia all’americana, ma non puoi trasportare di colpo i tuoi invitati in un contesto straniero che non capiscono, né sanno apprezzare. Hai bisogno di dosare gli elementi di novità con elementi tradizionali. Devi tener presenti le tradizioni italiane, quelle della tua regione e quelle specifiche della tua famiglia.

Questo passaggio è molto importante, perché se non valorizzi quegli aspetti del rito che sono più vicini al modo di sentire dei tuoi invitati non li aiuterai a partecipare. Vivranno il tuo matrimonio come uno spettacolo teatrale. Tu invece vuoi coinvolgerli e conquistarli, farli commuovere e tirarli dalla tua parte, perché ti riempiano di auguri sinceri e complimenti.

3) Mostrare le imperfezioni

In un rito nuziale ben riuscito è fondamentale valorizzare l’autenticità della coppia. Non dovete essere perfetti, ma perfettamente voi. In questo modo raggiungerete il cuore di tutti e farete capire loro che stanno assistendo al vostro matrimonio e non ad un matrimonio qualsiasi.

Per fare questo la cerimonia deve essere scritta su di voi, deve raccontare la vostra storia e tirar fuori la sua straordinarietà anche attraverso i vostri difetti e i momenti difficili che avete superato insieme. L’ideale è che il rito contenga anche degli elementi studiati da voi. Certo non puoi occuparti di scrivere tutto il testo, senza conoscere le tecniche più adatte per costruire una cerimonia efficace.

Ma se scrivete le vostre promesse nuziali, oppure una lettera di ringraziamento ai genitori o un pensiero da dedicare ad una persona speciale per sottolineare uno dei momenti del rito, questo arricchirà tantissimo il tuo matrimonio.

I tuoi invitati sono abituati a ben altro. Cerimonie tradizionali noiosissime o squallide che farebbero addormentare chiunque. Oppure matrimoni strani e forzatamente originali che vorrebbero stupire, ma ottengono il risultato opposto. O ancora copie di cerimonie all’americana che risultano incomprensibili o riti standard che sembrano delle sceneggiature teatrali.

Con un unico accorgimento puoi trasformare l’ennesimo matrimonio nell’evento a cui tutti vorrebbero partecipare e di cui parleranno per mesi, portandolo nel cuore come un ricordo prezioso.

Racconta la tua storia pensando ai destinatari

Per loro significa vivere un’esperienza unica, per te significa un vero trionfo. Un giorno che ti ripagherà di tutto l’impegno, di tutte le difficoltà e di tutti i sacrifici regalandoti una soddisfazione che porterai con te per tutta la vita.

Io ho il mio metodo per aiutare le coppie a raggiungere questo risultato. Un metodo che ho costruito in 7 anni di attività e lavorando a centinaia di matrimoni diversi. L’ho chiamato Cerimonia VIP e si basa proprio su questo presupposto. Come ti ho già detto non va bene per tutti, ma è dedicato a chi ha queste tre caratteristiche:

  • desidera una cerimonia autentica e non un finto matrimonio
  • vuole che tutti gli invitati siano a loro agio e che partecipino con emozione al rito
  • sogna un matrimonio su misura e non una cerimonia copiata da altre

Se ti riconosci in questi tre punti e vuoi ricevere il mio aiuto per raccontare la tua storia e celebrare il tuo meraviglioso matrimonio, sono felice di aiutarti. Quello che devi fare è contattarmi prima possibile mandandomi una mail a info@cerimoniavip.it per verificare se la data che hai scelto è ancora libera.

Scrivimi luogo, giorno e orario orientativo del tuo matrimonio. Ti risponderò entro 24 ore dandoti maggiori informazioni sulla disponibilità, sul mio metodo e sui miei servizi.

A presto!

Claudia

dimmi di più
Tag

Claudia

Ciao, sono Claudia Carbonara, officiante professionista e ideatrice del metodo Cerimonia VIP. Leggi la mia storia nella pagina Chi sono.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close
Scarica ora l'Ebook GRATIS