Nei prossimi mesi ti sposerai con rito civile?

Fai spuntare una lacrimuccia a tutti i tuoi invitati con una cerimonia che le tue amiche racconteranno per anni e che vivrà per sempre nei tuoi ricordi

Dai vita a una cerimonia civile o simbolica memorabile, che ti farà emozionare come mai nella tua vita e farà commuovere e divertire anche gli invitati più scettici e all’antica!

Cara futura sposa,

ci siamo quasi! 

La fatidica proposta è arrivata, la data è ormai fissata e i tasselli dei preparativi nuziali iniziano a comporsi nella tua mente e nelle varie agende dove ti segni tutto. 

Ti sei occupata di musica, fiori, catering, menu… persino le partecipazioni sono scelte. Ma rimane un aspetto FONDAMENTALE a cui non hai prestato attenzione. 

O forse, invece, sei ancora in alto mare, ma non cambia molto.

Di certo fra tutte le cose a cui hai pensato, quella che sto per dirti è l’ultima della lista… 

Hai già deciso come sarà la cerimonia nuziale? 

Hai idea di cosa dirà il celebrante?

Sai quali sono gli step?

E, se hai deciso di personalizzarla, hai un vago piano su cosa scrivere? 

Ho aiutato a organizzare quasi 700 cerimonie diverse e la risposta è sempre NO.

Non voglio certo metterti ansia, né caricarti di stress. A ogni problema c’è una soluzione, ma ci tengo a farti riflettere su questo aspetto molto importante. 

La cerimonia civile esiste da sempre, ma solo da pochi anni viene scelta dagli sposi consapevolmente. Fino a non troppo tempo fa si trattava solo di un ripiego per chi non poteva sposarsi in chiesa.

Infatti, il livello emotivo e le lacrime che suscita non sono nemmeno lontanamente vicini a quelli di un rito cattolico o, più in generale, religioso. 

Perché? 

Semplice. Il matrimonio civile è una questione di burocrazia. Firma qui, firma là. Ok, siete sposati. 

Come ogni processo burocratico è… mortalmente noioso.

Hai mai visto qualcuno commuoversi a un rogito dal notaio? Ecco, appunto. 

Sono sicura che per il giorno più bello della tua vita vuoi molto di più.

Di certo non desideri che si riduca tutto a 2 firme e alla lettura di 3 articoli del codice civile da parte di un impiegato comunale annoiato.

Preparati a commuoverti e a commuovere tutti i vostri invitati

Non voglio incentivare le vendite di fazzolettini Tempo, ma diciamocelo, la buona riuscita di una dieta si vede in chili persi, la buona riuscita di una festa nelle persone brille che ballano e quella di una cerimonia dalla quantità di lacrimucce che scendono. 

Per riuscire nell’impresa di un matrimonio memorabile non bastano una location spettacolare, un catering pazzesco e una band coinvolgente. 

Quelli sono gli ingredienti di una festa da urlo, ma per organizzarne una non serve per forza sposarsi.

Il matrimonio è qualcosa di più. 

È promettere davanti a tutti quelli a cui volete bene che vi amerete per sempre. 

È giurarvelo tra di voi, guardandovi negli occhi mentre pensate a tutte le sfide che vi hanno portato lì. 

È anche un po’ fare felici nonna, mamma e zia, diciamocelo.

Ma soprattutto è un momento che i romantici si ritagliano in una vita di frenesia per farsi una promessa che duri per sempre. 

Quella promessa è ben più importante di una torta a tre piani o dell’open bar. 

Ed è proprio perché è il centro di quella giornata, che la cerimonia DEVE rispettare alcune semplici regole. 

A questo punto dei preparativi probabilmente hai messo gli occhi su una location straordinaria che farà da scenario al vostro sì, hai pensato a tutto il contorno magari, ma ti manca il piatto principale: la cerimonia. 

Il rito civile, per come è pensato, non dura più di 3 minuti e 31 secondi (sì, l’ho cronometrato!)

Non fai nemmeno in tempo a percorrere la “navata” al braccio di tuo padre che è finito, il tutto dura meno della canzone che hai scelto per accompagnare il tuo ingresso!

Arrivi, firmi e te ne vai. 

Zero emotività. Zero magia. Zero ricordi felici da custodire nel cuore per sempre.

Già il giorno del matrimonio ti sembrerà durare pochissimo. 

Il tempo vola.

Ti svegli la mattina delle nozze con il cuore a mille e in un battito di ciglia ti ritrovi a consegnare le bomboniere e a chiederti che cosa farai da domani, senza i vari impegni organizzativi e i sogni che hanno monopolizzato la tua vita nell’ultimo anno.

Inoltre, la memoria è una macchina complessa e solo i momenti più intensi, emozionanti e coinvolgenti riescono a conquistare un posto nei ricordi.

L’idea di dimenticare il sapore del risotto che hai scelto con tanta cura o di non fare in tempo ad accorgerti che stai ballando per la prima volta con tuo marito è decisamente spiacevole, ma pensare di non ricordare il momento in cui vi siete uniti per la vita è semplicemente intollerabile.  

Sì, a un certo punto direte le promesse, vi scambierete gli anelli, forse qualcuno leggerà un pensiero per voi… e poi???

Cosa dovrà dire il celebrante? 

Quali musiche scegliere? 

Rito di unione sì o no? (Se non sai cos’è non preoccuparti)

Come strutturare la scaletta?  

Come scrivere la promessa?

Come creare un rituale rappresentativo?

Queste sono solo alcune delle domande fondamentali che devi porti se vuoi un rito personalizzato e commovente, che rispecchi la vostra storia d’amore

Se hai già provato a cercare online qualcosa su come scrivere la tua cerimonia perfetta, di base avrai trovato: 

qualche portale con suggerimenti su come rendere il tuo rito civile all’altezza dei tuoi sogni, che si riducono alle solite frasi fatte e a qualche poesia d’amore da mescolare agli articoli del codice civile per “allungare il brodo”;

qualche gruppo di “sposine” su Facebook, in cui ognuna giura che il suo matrimonio sarà il più bello del mondo (ma si vede lontano un miglio che ha più dubbi di te);

qualche prestampato da scaricare dal sito del comune per i “matrimoni personalizzati”, che solo a leggerlo ti ha fatto venire lo sconforto perché non serve essere degli esperti per capire che non ha né capo né coda. 

Nella migliore delle ipotesi, sai qual è il risultato affidandosi ai consigli del web? 

Una cerimonia come tutte le altre, con le solite citazioni scontate di Shakespeare, di Marquez o infarcita con qualche poesia di Alda Merini.

Non vuole essere una pagina demotivante o fatta per metterti ancora più ansia, non preoccuparti, tra poco ti spiegherò come puoi ottenere il rito originale, straordinario e romantico che desideri, ma prima permettimi di riepilogare gli ostacoli da superare, in modo da aiutarti a non trascurare niente.

Finora hai capito che: 

1) in comune si fanno le procedure burocratiche e il momento del vostro sì non può ridursi solo a quello; 

2) improvvisare significa rischiare davvero troppo; 

3) il web è pieno di consigli che puoi leggere tu come chiunque altro e il risultato sono matrimoni fotocopia privi di personalità. 

Se desideri una cerimonia unica, che racconti il vostro amore, ripercorrendone le tappe più significative, continua a leggere…

La cerimonia dovrebbe essere un momento indimenticabile, una gioia immensa da condividere con le persone più care. È il punto di partenza per una nuova vita, la fondazione della vostra famiglia, la degna celebrazione della vostra storia d’amore. 

Senza contare che se la cerimonia riesce bene tutta la giornata procede per il meglio. Se invece è deludente, anche la festa più bella non è in grado di cancellare il malumore generale. 

Dopotutto è la cerimonia che distingue un matrimonio da una qualsiasi festa. 

Senza quella parte, tutto il matrimonio sarebbe soltanto l’ennesima occasione per mangiare e bere. Niente di più di una qualunque festa di compleanno, solo più costosa.

Per rendere la tua cerimonia memorabile hai bisogno di un testo curato e completo, che parli di voi e riesca a emozionare tutti gli invitati, anche quelli che sono abituati al matrimonio in chiesa e non vedono di buon occhio i matrimoni non convenzionali.

C’è solo un problema…

Scrivere il testo della cerimonia non è un’impresa semplice (anche se a scuola avevi 10 e lode in italiano)

Non è facile esprimere tutto quello che hai dentro e mettere su carta le tue emozioni, i tuoi ricordi e quel “qualcosa” di indescrivibile che vi rende così perfetti per stare insieme. Inoltre, scrivere un testo che funziona richiede specifiche competenze tecniche, non basta semplicemente saper scrivere bene in italiano ed essere creativi.

Io per esempio scrivo molto bene, lo faccio da tantissimi anni, ma non mi sognerei mai di scrivere un testo di medicina o un atto notarile.

In media un testo ben fatto è composto da 27 parti diverse, che devono essere scritte e organizzate in modo strategico per conquistare il risultato desiderato

Il rischio di sbagliare è molto alto e le conseguenze di un rito inadeguato sono pesanti:

  • il giorno del matrimonio si trasforma in una delusione;
  • devi sopportare le critiche e le frecciatine degli invitati scontenti;
  • ti porti dietro per la vita la sensazione di fallimento e rimpianto;
  • ti senti in colpa per aver messo in questa situazione anche la persona che ami.

Di certo non è quello che vuoi, perciò è importante farti aiutare nella creazione del testo della cerimonia. 

Ma da chi?

s

Ti dico già che se ti aspetti che ci pensi il sindaco sei completamente fuori strada. Il suo lavoro non è ascoltare le coppie, conoscerle e scrivere testi per loro. Anche se fosse la persona più disponibile e amante dei matrimoni del mondo (e, credimi, spesso non lo sono) avrebbe altro da fare nelle sue giornate. 

s

Lo stesso vale per tutti gli impiegati del comune o chi lavora nella location. Sono persone impegnate in altro, brave in altro, e che occasionalmente si trovano tra i piedi una coppia che ha scelto di non sposarsi in chiesa.

s

Non puoi nemmeno affidare questo compito cruciale all’amico che hai scelto per celebrare. Magari se la cava nelle situazioni a lui familiari, ma non ha una preparazione specifica, lo metteresti in crisi caricando sulle sue spalle questa responsabilità e il risultato non sarebbe adeguato alle tue aspettative.

Il massimo che queste persone possono fare, con tutta la buona volontà, è PROVARE a scrivere un testo alla cieca, seguendo solo l’istinto, e vedere come va. 

E poi? Che succede se il risultato finale ti delude? Che fai se la cerimonia risulta imbarazzante, forzata, noiosa, confusionaria, ripetitiva o banale?  

Non puoi certo dire: “Pazienza, andrà meglio la prossima volta” come se avessi messo troppo sale nell’acqua della pasta! 

Ti auguro di cuore che questo sia il tuo ultimo matrimonio (non posso sapere se è il primo), perciò ti serve qualcuno che scriva testi di cerimonie ogni giorno e che sappia cosa sta facendo, senza fare esperimenti creativi sulla tua pelle.

Per intenderci, se la tua storia d’amore è una fiaba unica e voi due ne siete i protagonisti, ti serve un narratore che metta su carta il vostro mondo interiore.

Come fare a scegliere il “narratore” a cui affidare i dettagli più delicati della tua storia d’amore e la responsabilità della buona riuscita del giorno più bello della tua vita?

Escludo in partenza i vari dilettanti che fanno solo finta di aiutare le coppie per racimolare qualche centinaio di euro, appiccicando insieme due poesie e quattro frasi fatte. Sono certa che non sia il tipo di cerimonia che stai cercando.

Del resto, per un risultato così scadente non ti serve pagare qualcuno.

Ti basta copiare da internet uno dei tanti esempi insulsi di cerimonie che si trovano in giro e cambiare i nomi con i vostri.

Se vuoi una cerimonia meravigliosa devi rivolgerti a un professionista e su questo non ci sono dubbi. Non è diverso da qualsiasi altro ruolo nel tuo matrimonio, hai scelto la tranquillità di affidarti a professionisti per fotografie, video, catering, fiori ecc. e meriti di sentirti tutelata e al sicuro anche per quanto riguarda questo aspetto.

Il punto, se mai, è stabilire cos’è “una cerimonia meravigliosa” per te.

Normalmente la procedura standard per scrivere i testi per cerimonie prevede di fare qualche domanda agli sposi e modificare un copione già pronto inserendo alcuni dettagli personalizzati. 

Se la cerimonia per te non è importante e non ti importa del risultato potrebbe anche essere una soluzione, ma…

ti ritrovi con un matrimonio che è al 99% la fotocopia di altri mille matrimoni. Non c’è niente di voi, potrebbe sposarsi chiunque altro e non farebbe differenza;

la struttura della cerimonia è generica e sempre la stessa e non corrisponde alle tue necessità specifiche;

il testo non è progettato per farti vivere un momento indimenticabile, ma solo per essere un po’ meglio del rito civile (in realtà non ci vuole molto). 

Soprattutto, chi scrive il testo chiede a TE come vuoi la cerimonia. Nel migliore dei casi ti fa delle domande sulla tua storia e i tuoi gusti e poi cerca di infilare il tutto nel suo script standard.

Ma non è sufficiente a creare un’esperienza memorabile!

Chiariamo, è ovvio che una persona che sta lavorando per te debba interessarsi a quello che vuoi e che ti piace. È davvero il minimo, anche il kebabbaro sotto casa ti chiede se preferisci la maionese o il ketchup! 

Il fatto però è che potresti non avere sufficiente esperienza per prendere delle decisioni consapevoli sulla cerimonia. Magari sei stata al matrimonio di qualche amica e ti è piaciuto, o hai letto un’idea in un gruppo di spose o hai sentito parlare di un dettaglio che ti ha ispirato.

Non c’è niente di male nel prendere in considerazione questi spunti, ma non sei neanche lontanamente a conoscenza di tutte le opzioni che hai. Quindi ignori tante possibilità tra cui ci potrebbe essere quella davvero perfetta per te. Quella che non solo ti piace, ma ti rappresenta al 100%.

Questo approccio superficiale, basato su pochi spunti frammentati che hai captato qua e là, non ti permette di tirar fuori quello che hai dentro davvero.

Le vere domande da fare per ottenere un testo coinvolgente non riguardano solo il tipo di rito di unione che ti piace di più o la musica che preferisci per l’ingresso. Sono domande profonde, intense, senza risposte semplici.

Se io ti chiedessi, per esempio:

“Cosa vi rende una coppia diversa da tutte le altre?” 

“Che cosa deve raccontare di voi la cerimonia?” 

“Qual è l’ingrediente magico che farà funzionare il vostro matrimonio e perché?” 

…che cosa diresti? 

Probabilmente su due piedi non riusciresti a rispondere, oppure mi daresti delle risposte generiche, senza riuscire a raccontare quello che hai veramente nel cuore.

Ti è mai capitato di parlare con qualcuno, trovarti senza risposte e poi rimuginare nei giorni successivi rivivendo quello scambio e pensando a quello che avresti davvero voluto dire?

Ecco, la sensazione di una cerimonia generica è esattamente questa. 

Quel giorno magari sei anche abbastanza soddisfatta del risultato. Comunque vada sei sposata con la persona che ami e ne sei felice.

Dopo un po’ però ti rendi conto che non ti basta, ti vengono in mente altre cose che avresti voluto dire e condividere. Oppure ti accorgi che quel testo, che sulla carta sembrava adeguato, non ha niente a che vedere con voi. Lo senti forzato e finto e non ha suscitato le emozioni che ti aspettavi.

Alla fine ti resta solo la brutta sensazione di aver perso l’occasione per dare vita alla cerimonia ideale che suggelli il vostro amore. 

Senza contare il rischio che la cerimonia vada male

.

Con un rito generico le probabilità sono altissime

È facile andare in ansia il giorno del matrimonio, se la cerimonia non ti mette a tuo agio non riesci a goderti quel momento che hai atteso per tutta la vita. 

Per di più, gli invitati a volte non sono ben disposti nei confronti di queste formule. 

Sono abituati al matrimonio in chiesa e considerano il rito civile un “matrimonio di serie B”, sono allergici alle novità e pronti a bollare come “un’americanata” tutte le idee non convenzionali. A volte sono bigotti o chiusi e pronti a criticare qualunque deviazione dalla tradizione.  

Da poche domande a cui hai risposto a stento non è possibile ottenere sufficienti informazioni per scrivere un testo che risolva tutte queste difficoltà e ti aiuti  a raggiungere il tuo lieto fine.

Ti avevo promesso però che ti avrei rivelato il modo di ottenere una cerimonia indimenticabile, emozionante e coinvolgente per tutti gli inviati e sono di parola. Per questo desidero presentarti la soluzione che ho studiato appositamente per risolvere tutti questi inconvenienti.

Cerimonia VIP®, il servizio professionale di scrittura di testi per cerimonie nuziali che mette al centro voi e il vostro amore

Con Cerimonia VIP® il testo della cerimonia viene scritto per voi, ma soprattutto CON voi. 

Non ci sono schemi fissi, né elementi obbligatori. Tutto viene creato da zero per celebrare il vostro amore unico come merita.

Siete protagonisti della creazione del rito attraverso un percorso di coppia romantico, divertente e coinvolgente, progettato per aiutarvi a esprimere tutto quello che avete nel cuore e trasferirlo nella cerimonia.

Specifico, se mai ce ne fosse bisogno, che non ha niente a che vedere con quel “corso prematrimoniale” di una noia mortale che ti obbligano a fare in chiesa. 

Non vi troverete tra i piedi qualcuno che sale in cattedra per farvi la predica o che pretende di insegnarvi come dovete gestire la vostra relazione. Al contrario, io vi guiderò nel valorizzare quello che già siete e l’unicità del vostro amore.

In particolare il Percorso Cerimonia VIP®:

è adatto anche alle persone più timide, perché si basa su attività semplici e stimolanti che affondano le loro radici nella psicologia;

si addice anche a chi ha poco tempo da dedicare ai preparativi, perché è suddiviso in piccoli step, molto significativi ma facili da completare;

è flessibile nei modi e nei tempi, adattandosi ai vostri ritmi di vita e lavoro per una maggiore serenità durante tutto l’arco dei preparativi;

tiene conto dei diversi approcci al matrimonio all’interno della coppia, perché ciascuno di voi potrà scegliere quanto essere coinvolto nel Percorso;

è l’ideale anche per chi ha scelto un amico come celebrante, perché si ottiene un testo accurato e completo di tutte le indicazioni pratiche e tecniche;

è efficace anche per risolvere situazioni complicate, come invitati particolarmente ostili, coppie di nazionalità mista o con tradizioni familiari molto diverse ecc.

Forse ti starai chiedendo come mai sono così sicura di poterti aiutare, e fai bene a essere diffidente, perché nel mondo del wedding non passa giorno senza che salti fuori qualcuno che cerca di convincerti di avere la soluzione a tutti i tuoi problemi.

Permettimi quindi di fornirti le mie credenziali, per dimostrarti che tutto quello che ti sto dicendo è supportato da un’esperienza concreta.

Chi sono e perché dovresti fidarti di me?

Sono Claudia Carbonara e insieme al mio team aiuto le coppie di innamorati a creare una cerimonia nuziale indimenticabile. 

Il mio lavoro è portare la magia e l’emozione nel rito civile e aiutare anche gli sposi più timidi a vivere serenamente e intensamente un rito nuziale autentico e unico. 

Faccio questo lavoro dal 2009, e ho scritto e celebrato circa 700 cerimonie, in 68 diverse province italiane.

Ho creato il mio metodo tanti anni fa quando ho organizzato la mia cerimonia per il mio matrimonio, ed è proprio per questo motivo che ho iniziato questa carriera.

Mi sono accorta che in Italia non esisteva un servizio in grado di aiutare gli sposi a creare una cerimonia unica, personale, coinvolgente e soprattutto a prova di critiche. 

C’era qualche celebrante laico che però lavorava principalmente con gli stranieri e proponeva un modello di cerimonia di stampo anglosassone (copie di riti protestanti o cerimonie stravaganti in stile “nozze lampo a Las Vegas”), che non andava bene per coinvolgere le famiglie italiane, abituate al matrimonio cattolico. 

Così mi sono messa a studiare, ho frequentato un corso presso una scuola inglese (qui da noi non ce n’erano ancora e sono stata io la prima in Italia a proporre corsi professionali per celebranti laici), ho intervistato ministri di vari culti, ho studiato copywriting, scrittura creativa, sceneggiatura teatrale, psicologia… insomma mi sono data da fare per riuscire a individuare il modo migliore per creare e scrivere una cerimonia da sogno. 

E poi, visto che ero l’unica a saperlo fare, ho iniziato a proporre questo servizio, diventando la prima celebrante e wedding copywriter in Italia, specializzata in riti laici su misura. 

Ho ideato un metodo che permette agli sposi di liberare la loro vera essenza attraverso un percorso di coppia romantico e divertente che accompagna i preparativi, continuando a migliorarlo e perfezionarlo per tredici anni, grazie anche ai feedback degli sposi.

Oggi il mio metodo è conosciuto e rinomato in tutta Italia. Probabilmente ne avrai sentito parlare su:

L’ho chiamato Cerimonia VIP®, un acronimo che racchiude le tre caratteristiche che deve avere una perfetta cerimonia: Vera, Italiana e Personalizzata. 

Una Cerimonia VIP® infatti:

è una cerimonia autentica, che nasce dalla vostra personalità (non una replica del rito civile o una messa in scena);

tiene conto della mentalità delle famiglie italiane in modo che tutti gli invitati si sentano coinvolti e partecipi, anche quelli più ostili ai matrimoni non convenzionali;

soprattutto, è assolutamente unica (e diversa dalle solite tristi cerimonie che si vedono in giro), perché viene creata da zero per voi.

Negli anni qualcuno ha cercato di copiare il mio metodo, o almeno quello che gli è sembrato di capire guardando il mio lavoro dall’esterno, ma nessuno è mai riuscito a proporre un percorso così emozionante, intimo ed efficace come il Percorso Cerimonia VIP®. 

Ma non devo essere io a dirlo, quello che più conta sono le opinioni di chi ha scelto di rivolgersi a me. Eccone qualcuna.

Ecco cosa pensa di Cerimonia VIP® chi l’ha provata

Marta

Valentini

È stato uno splendido percorso di coppia

“Cara Claudia, ci tenevo a ringraziarti per la splendida esperienza, iniziata un anno fa e coronata con il matrimonio venerdì. Solitamente (e paradossalmente), quando sono invitata a un matrimonio per me il momento principale non è la cerimonia che (tolto l’ingresso della sposa e qualche altro breve momento) trovo spesso noiosa e impersonale, ma il ricevimento, dove finalmente si mangia e si sta con gli amici! 

Credo invece che venerdì scorso per buona parte degli ospiti sia stato esattamente il contrario. Quella sera stessa e nei giorni seguenti abbiamo infatti ricevuto un sacco di complimenti per il rito, che pare abbia preso e commosso tutti quanti! 

Quello con te è stato uno splendido percorso di coppia, che ci ha tirato fuori riflessioni, emozioni e ricordi, sia positivi che negativi. Ci hai fatto apprezzare ancora di più il grande passo che stavamo compiendo e te ne sarò per sempre molto grata. 

Un abbraccio grande e a presto”. 

Paola

Rais

Al termine della cerimonia anche il più dubbioso si é asciugato le lacrime

“Quando abbiamo deciso di non sposarci in chiesa e di costruire il matrimonio dei nostri sogni, abbiamo deciso che volevamo un matrimonio personalizzato. Tuttavia non ci siamo resi conto della complessità che sta dietro ad un matrimonio di questo tipo e abbiamo sottovalutato la questione. 

Non pensavamo potesse esistere una professionista come Claudia, lo abbiamo scoperto grazie ad una amica e così l’abbiamo cercata su fb e ci siamo iscritti alla sua newsletter. Email dopo email abbiamo capito che lavoro c’è dietro un matrimonio simbolico e allora con Andrea abbiamo deciso di contattarla e di fare un investimento. Sono stati senza dubbio i soldi più ben spesi. 

Noi avevamo incaricato un nostro caro amico di celebrare il matrimonio e Claudia ci ha supportati in questa scelta valutando anche le capacità del nostro amico e facendoci notare la grande responsabilità che gli avevamo affidato. 

Abbiamo fatto con Claudia un percorso di 6 mesi molto entusiasmante che è servito a costruire la nostra cerimonia. Inoltre Claudia ha placato tutti i nostri timori e ci ha guidato anche nello spiegare nel modo giusto a parenti e amici il nostro matrimonio (cosa che mi preoccupava parecchio). Abbiamo ricevuto i commenti più disparati: Dal “Ma quindi siete atei?” Al “Ma il matrimonio è valido?” Per finire con “È un matrimonio finto”. 

Quel che è certo è che al termine della cerimonia anche il più dubbioso si é asciugato le lacrime e abbiamo ricevuto solo complimenti. Per noi è stato tutto perfetto e molto emozionante ed è stato esattamente come lo desideravamo! 

Il nostro amico è stato eccezionale e questa esperienza ci ha legato ancora di più. Ringraziamo Claudia per il grande lavoro e per il supporto! Se state vivendo i nostri stessi dubbi iniziali e volete assicurarvi un matrimonio indimenticabile, originale e personalizzato, lasciatevi guidare da Claudia e tutto andrà per il meglio!

Francesca

Cirnigliaro

Ha tirato fuori tutto quello che volevamo esprimere

“Ciao a tutti, se non volete sposarvi in chiesa e non volete i soliti 3 minuti di lettura degli atti al comune vi consiglio di creare una cerimonia tutta vostra che possa rappresentarvi.

Io e mio marito abbiamo scelto di fare una cerimonia simbolica, ma non essendo bravi a scrivere volevamo qualcuno di ESPERTO che potesse esprimere la nostra semplicità, timidezza, felicità di unirci in un unica famiglia.

Tutto questo e molto di più lo abbiamo trovato in Cerimonia VIP, super Claudia che ci ha seguito per un anno e ha tirato fuori tutto quello che volevamo esprimere tra di noi soprattutto e a tutti gli invitati presenti al matrimonio.

Ci ha fatto commuovere, ridere, riflettere.. tutto quello che serve in una cerimonia ♥️

Tutti gli invitati hanno fatto i complimenti per il matrimonio e soprattutto per la cerimonia, mi hanno detto che era tutto perfetto e che la celebrante, Claudia, è stata bravissima e meravigliosa.

E spose vi do un consiglio, scegliete bene i vostri fornitori, vi permetteranno di essere le spose più tranquille del mondo e di avere solo in corpo l’emozione positiva del matrimonio, prima della cerimonia ero solo emozionata, non avevo paura che qualcosa andasse storto, perché avevo una SUPER celebrante che ci ha seguiti e creato qualcosa di meraviglioso che potesse renderci tranquilli nel nostro giorno.

Gaia

Di Sante

Non so come avremmo fatto senza Claudia!

“Abbiamo deciso di sposarci in Municipio solo con le famiglie a Luglio 2022 e di celebrare ad Agosto il nostro matrimonio in una tenuta tra le colline toscane, con tutti i nostri invitati, organizzando cerimonia, cena e festa a seguire. Abbiamo scelto un nostro amico come celebrante, ma arrivati al momento di scrivere il rito della cerimonia è arrivata la crisi. 

Pensavo di poterlo costruire io stessa, trovando testi su internet a cui ispirarmi ma più si avvicinava la data più saliva il panico. Inoltre scegliendo il cosiddetto rito “simbolico” mi sono scontrata inevitabilmente con invitati scettici e amanti della tradizione che si aspettavano il classico matrimonio in chiesa, che non condividevano questa nostra decisione e che volevo assolutamente far ricredere ed emozionare. 

Mi sono messa a cercare online qualcuno che potesse aiutarmi, ma soprattutto che potesse realmente capirmi, ed è così che ho scoperto la figura del wedding copywriter e, fortunatamente, ho scoperto Claudia. Claudia si è dimostrata una fuoriclasse nel suo settore, competente, professionale, molto disponibile ad aiutarci nonostante i tempi strettissimi. 

Con scambi di interviste via mail abbiamo seguito passo passo tutta la scaletta che ci ha proposto, rispettando le scadenze. Ha supportato noi nella stesura delle nostre promesse, i nostri testimoni nella stesura dei loro discorsi e ha formato il nostro celebrante per prepararlo al suo ruolo cruciale. 

Alla fine avevamo il nostro testo, con le canzoni scelte da noi, e, cosa più importante, era tutto costruito INSIEME a noi, SU di noi e sulla NOSTRA storia, non era un copia e incolla impersonale ma il riflesso più fedele delle nostre anime. 

Alla fine tra gli abbracci e i visi commossi – violinista compreso! – abbiamo visto con nostra sorpresa proprio quelli più scettici e tradizionalisti in una valle di lacrime! I loro commenti sono stati: “Non sapevo cosa aspettarmi, non ero mai stata ad un matrimonio di questo tipo e ho sempre creduto che il matrimonio emozionante fosse quello in chiesa ma vi giuro che ho pianto dall’inizio alla fine della cerimonia!”; “Ho cercato di trattenere le lacrime per tutto il tempo, ma quando ho sentito le vostre promesse non ce l’ho fatta e sono crollato!”; “Sono stato a centinaia di matrimoni per lavoro, ma oggi con voi ho pianto tutto il tempo”. 

A pensarci ora non so come avremmo fatto senza Claudia! A mio parere la cerimonia è il 60% della riuscita di un matrimonio, è l’inizio di tutta la festa: deve partire col botto! 

Una figura come Claudia è imprescindibile se si decide di fare una cerimonia non tradizionale. Grazie mille per aver contribuito a rendere il nostro matrimonio una festa indimenticabile!”

Potrei mostrarti altre centinaia di testimonianze dello stesso tenore, ma la lunghezza di questa pagina diventerebbe infinita. Se vorrai lo farò quando ci conosceremo e, se preferisci, posso anche metterti in contatto con le mie spose perché ti raccontino la loro esperienza positiva. 

Ora però vorrei dare anche a te la possibilità di vivere la stessa emozione e soddisfazione, e per cominciare voglio fornirti tutto ciò che può esserti utile per una scelta consapevole.

Compila il modulo che trovi qui sotto per maggiori informazioni su Cerimonia VIP®

So che non è semplice scegliere i fornitori per il tuo matrimonio. Mettere nelle mani di qualcuno la tua felicità è un grande atto di fiducia. Per questo voglio aiutarti a valutare il mio approccio con calma, per capire se è quello che fa per voi. 

Allo stesso tempo, voglio assicurarmi di poterti davvero aiutare come meriti. Perciò, dopo che avrai compilato il modulo in ogni sua parte con i tuoi dati, succederanno tre cose belle:

1) riceverai GRATIS il materiale informativo su Cerimonia VIP®, da condividere con il tuo fidanzato (e con chiunque ti stia aiutando a scegliere), per capire fino in fondo quello che posso fare per te;

2) io o una persona del mio team ci metteremo in contatto con te nel più breve tempo possibile per rispondere a tutte le tue domande. Se capiremo di poterti aiutare ti forniremo un preventivo di massima per darti la possibilità di valutare l’investimento necessario;

3) se riterrai che la soluzione proposta corrisponde ai tuoi desideri, fisseremo un appuntamento (io, tu e il tuo fidanzato) nel giorno e all’orario più comodi per voi, per approfondire tutti i dettagli.

Compila il modulo 

  • ti contatterò su Whatsapp e poi (se vorrai) ci sentiremo per telefono, non dimenticare il prefisso se hai un numero non italiano

In attesa di conoscerti di persona, ti ringrazio per aver letto questa lunga lettera!

A presto,

Claudia Carbonara

 

P.S. Siete in tanti a desiderare una Cerimonia VIP®, ma purtroppo non posso accontentare tutti. Ricevo prenotazioni anche con tre anni di anticipo, perciò ti raccomando di contattarmi prima possibile per non rischiare di sentirti dire “Mi dispiace, non c’è più posto per te!”.